Image default
MicrosoftNotiziePCPiattaformeRecensioni

Hellblade 2 – Recensione

Sviluppato da Ninja Theory, Hellblade: Senua’s Sacrifice del 2017 è un gioco con una presentazione eccezionale; È un’avventura cinematografica oscura che tenta di rappresentare la psicosi attraverso una straordinaria combinazione di immagini e suoni. Senua’s Saga: Hellblade 2 non si allontana da questo modello, anche se grazie alla potenza offertagli dalle console di nuova generazione, tutto è stato portato a nuovi livelli. Potrebbe essere uno dei titoli fotorealisti più belli sul mercato. E se vuoi ottenere il massimo da esso, ti consigliamo di giocarci con le cuffie.

Il titolo

Come se Senua non avesse già lottato abbastanza, Senua’s Saga: Hellblade 2 si apre con lei che viene trasportata a bordo di una nave dagli schiavisti. Tuttavia, il mare le offre un’opportunità per fuggire, e così la coglie. Ma invece di scappare e mettersi in salvo, Senua mira ad aiutare i suoi parenti bisognosi. Poi cerca un obiettivo più grande: fermare gli schiavisti per sempre, in modo che non ci sia più bisogno di rovinare vite umane, con i propri cari portati via dalle loro case, per non essere mai più rivisti. Tuttavia, non avrebbe mai potuto aspettarsi dove l’avrebbe portata il suo viaggio e i nemici che si sarebbe trovata ad affrontare.

Coloro che hanno giocato a Hellblade: Senua’s Sacrifice troveranno Senua’s Saga: Hellblade 2 molto familiare. Si tratta di un’esperienza in gran parte lineare, con i giocatori che si fanno strada attraverso ambienti pittoreschi mentre la storia si svolge. Tuttavia, c’è l’opportunità occasionale di esplorare, con due tipi di oggetti da collezione da trovare per chi ha un occhio attento e una sete di conoscenza. Ma a parte questo, le cose chiave che si interrompono semplicemente andando avanti qui sono gli enigmi e il combattimento.

Per fortuna, gli enigmi di Senua’s Saga: Hellblade 2 sono un po’ più vari rispetto al gioco originale. Ce ne sono ancora molti che ruotano attorno alla ricerca di simboli nascosti nell’ambiente, di sicuro, ma questa volta sono accompagnati da enigmi che richiedono di concentrarsi su quelle che sembrano essere gocce d’acqua che cambiano il mondo intorno a te e altro ancora. Alla fine iniziano anche a fondersi l’uno con l’altro, formando enigmi più complessi che non sono mai troppo stuzzicanti ma comunque divertenti da risolvere.

È il combattimento che probabilmente si rivelerà il più divisivo qui. È più intimo rispetto a Hellblade: Senua’s Sacrifice, con l’obiettivo di affrontare un solo nemico alla volta. E anche se le meccaniche non sono cambiate, con la possibilità di schivare, parare, utilizzare attacchi pesanti e leggeri e usare lo specchio per concentrarsi e rallentare efficacemente il tempo, sembra più teso e dinamico. Come in The Last of Us Part 2 di Naughty Dog, vedere i tuoi nemici sussultare mentre li tagli aggiunge peso e gravità alle tue opzioni.

Gameplay ed altro

Il problema è che, con così poche opzioni a tua disposizione e nessuno sviluppo man mano che ti muovi nel gioco, diventa rapidamente ripetitivo. Sono solo i nemici che affronti che fanno sì che gli incontri sembrino un po’ freschi. La spinta per un’ulteriore presentazione cinematografica, con barre nere nella parte superiore e inferiore dello schermo, limita anche la tua visibilità quando si tratta di determinati attacchi. I nemici che sputano fiamme, ad esempio, potrebbero incendiarti anche se credi di aver schivato in tempo. Tuttavia, il combattimento non è mai terribile o anche semplicemente brutto qui; È solo un peccato che non sia molto più eccitante o coinvolgente del suo predecessore.

In definitiva, ciò che conta davvero qui è la storia di Hellblade 2, ed è assolutamente avvincente. I personaggi sono sfaccettati, interessanti e ben scritti. Gli scenari sono vari e a volte assolutamente da far rizzare i capelli. E, come accennato in precedenza, il tutto prende vita con un design visivo e audio all’avanguardia che toglie il fiato. C’è un’emozione genuina visualizzata sui volti dei personaggi e ti sposterai da un ambiente meticolosamente creato all’altro senza nemmeno una schermata di caricamento. A volte, è davvero come se avessi il controllo di un film, dirigendo il suo protagonista al tuo ritmo.

Quando scorreranno i titoli di coda dell’ultima avventura di Senua, che richiederà alla maggior parte dei giocatori circa otto ore o giù di lì, sarai rimasto a bocca aperta numerose volte. E anche se non c’è molta rigiocabilità qui, alcuni torneranno forse per trovare gli oggetti da collezione che si sono persi. Un tocco particolarmente interessante è che dopo aver completato il gioco e rivisitato i suoi capitoli, puoi anche scegliere tra narratori alternativi, ognuno dei quali offre la propria prospettiva sugli eventi.

È impossibile non rimanere impressionati da ciò che Ninja Theory ha ottenuto con Senua’s Saga: Hellblade 2. Sebbene il suo combattimento sia un po’ deludente, la sua narrazione e presentazione non ha eguali. Nessun altro gioco ha un aspetto o un suono migliore: è una vera delizia audiovisiva. Nessun altro gioco replica così bene la psicosi, con le furie di Senua che creano un’esperienza davvero inquietante in cui si viene continuamente costruiti, abbattuti e fatti dubitare di ciò che è reale e di ciò che non lo è. E così, anche se Senua’s Saga: Hellblade 2 non è perfetto, è un notevole miglioramento rispetto al suo predecessore e un gioco imperdibile per coloro che apprezzano le avventure narrative oscure.

Related posts

UNDISPUTED – LA MODALITÀ CARRIERA FA IL SUO DEBUTTO

Simone Piantoni

COMBATTI CONTRO I TUOI AMICI NELLA NUOVISSIMA TEMPORAL BATTLE ARENA DI I AM SETSUNA

Gravity Rush 2 – Recensione

Luca Cuciniello || Ciccioboy