Image default
MicrosoftNotiziePCPiattaformeRecensioniSony

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin – Recensione

Sono un fan del franchise di Monster Hunter da un po’ di tempo ormai. Il mio primo approccio è arrivato con Monster Hunter Freedom per PlayStation Portable e la mia prima esperienza come cacciatore che aveva bisogno di affrontare mostri nuovi e spettacolari è stata affascinante. Più tardi ho deciso di giocare a Monster Hunter Tri, un videogioco uscito per Nintendo Wii più di dieci anni fa, e finalmente ho attraversato le enormi mappe di Monster Hunter World. Ma questa volta affronto un gioco diverso e cioè che Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin -come il suo predecessore- è abbastanza diverso dalle puntate principali, in quanto condividono solo il nome e la caccia alle creature, poiché in questo spin-off i mostri aiuteranno il protagonista a sconfiggere altri nemici.

Il titolo

Partendo dall’inizio, la sotto-saga di Monster Hunter Stories è uno spin-off JRPG del famoso franchise di caccia ai mostri di Capcom. Il primo Monster Hunter Stories è uscito in Spagna per Nintendo 3DS, successivamente è arrivato su Android e iOS e ora arriva su PlayStation 4, PC e Nintendo Switch accompagnando questo Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin che fa la sua comparsa su PlayStation 4 dopo essere apparso qualche anno fa su Nintendo Switch e PC. In questa sotto-saga non abbiamo controllato un cacciatore ma un Rider, il che ha permesso un approccio molto nuovo al franchise, che per l’occasione ha rinnovato anche il suo tradizionale aspetto meccanico e i tipici combattimenti in tempo reale sono diventati battaglie a turni. Nei panni di un Rider, il giocatore allevava mostri amici che lo avrebbero aiutato in combattimento da usare come cavalcature, personalizzare le proprie abilità ed eseguire speciali attacchi di Affinità.

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin è un’ottima continuazione del precedente titolo di Capcom con una nuova storia che ti cattura dall’inizio alla fine. Dopo un breve tutorial e la creazione del nostro personaggio con un editor di base, la storia inizierà sull’isola di Mahana, un luogo dove non ci sono cacciatori ma Cavalieri, un luogo con tribù che vivono in modo pacifista fino a quando il colore delle acque cambia causando la scomparsa di tutti i rathalos dell’isola. Allo stesso tempo, i grandi wyvern e altre potenti creature iniziano a manifestare una natura insolitamente violenta e iniziano a ribellarsi contro i Cavalieri.

In un’altra epoca, l’intervento del coraggioso eroe Red e della sua cavalcatura sarebbe stato sufficiente a contenere questa minaccia, ma in Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin incarniamo suo nipote, che ha ereditato tutti i doni di suo nonno. Con l’aiuto di Ena, una Wyverianna di Grimoire, che ha incontrato Red nei suoi giorni gloriosi, inizierà un’avventura in cui rafforzerà ulteriormente i suoi legami con gli affascinanti mostri che popolano questo mondo. E il suo destino si incrocerà con quello di un Ratha Kalapteron, una creatura capace di risvegliare sia la speranza che il terrore nel mondo di Monster Hunter.

Come nella puntata precedente, gli scontri sono a turni. In questa occasione, avremo 3 tipi di attacchi -potenza, abilità e agilità-, ognuno con i suoi vantaggi e svantaggi che influenzano il faccia a faccia, momenti in cui il mostro affronterà il nostro Rider o i suoi compagni. Gli attacchi potenti sconfiggono i tecnici, ma i tecnici sconfiggono gli agili e gli agili sconfiggono quelli potenti. All’inizio può sembrare confuso e dovremo imparare il triangolo di debolezze e punti di forza, ma dopo alcuni primi combattimenti lo padroneggiamo facilmente, poiché questo sistema ricorda il sistema triangolare che ha reso così di moda il franchise di Fire Emblem o, per dirla in termini ancora più semplici, il sasso, carta, forbici di una vita. Oltre a tenere conto di tutto quanto sopra, possiamo anche scambiare armi, selezionare abilità ed eseguire mosse combinate con la nostra cavalcatura.

Gameplay ed altro

Un’opzione che mi è piaciuta molto è la possibilità di aumentare la velocità dei turni rendendo i combattimenti abbastanza dinamici, un’opzione che abbiamo già visto in altri JRPG moderni. Allo stesso tempo, possiamo anche fare uso di doppi attacchi: quando il nostro Rider esegue lo stesso tipo di attacco della sua cavalcatura, otterremo il doppio dei danni e ricaricheremo il collegamento più rapidamente per caricare un attacco speciale. Altre volte vedremo scontri o minigiochi tra il nostro Rider e il mostro che si baseranno sulla pressione rapida dei pulsanti sul controller. Una lamentela che ho, tuttavia, è che puoi controllare solo il tuo personaggio principale. Puoi comandare al tuo Monstie di selezionare un’abilità specifica da usare, ma non puoi scegliere il tipo di attacco che usa. Inoltre, non puoi controllare gli altri ospiti. Il problema è che l’IA in questo gioco è troppo casuale e in più occasioni di quanto desiderato non prende la decisione migliore in combattimento.

Questo è un classico JRPG, ma questa volta possiamo allevare mostri. Se qualcosa è stato davvero interessante per me è il sistema di aumento di livello: quando si entra in battaglia, tutti aumenteranno il proprio livello e tutti i mostri aumenteranno contemporaneamente, il che significa che puoi sempre cambiare il tuo equipaggiamento e provare nuove combinazioni con una certa facilità. D’altra parte, ogni mostro che ottieni avrà abilità uniche, alcuni salteranno in luoghi inaccessibili, altri invece tracceranno nemici e forzieri. Ad esempio, il nostro Ranmar -un velocidromo che ci prestano- salta di più, potendo prendere scorciatoie.

La storia è divisa in missioni principali, solitamente in queste dovremo cacciare e cercare di trovare uova di nuovi mostri. Durante l’esplorazione potremo trovare creature migliori ma allo stesso tempo saranno più forti e più difficili da sconfiggere. I personaggi della nostra squadra avranno vite, ogni volta che un compagno di squadra, una cavalcatura o anche noi cadiamo in combattimento, spenderemo un cuore. Il gioco ti dà 3 cuori e se li perdiamo tutti dovremo ricominciare i progressi dal punto di salvataggio precedente, quindi è importante essere ben caricati con piante medicinali e pozioni. Per poter progredire sulla mappa consiglio di abilitare il viaggio nelle gatavana, luoghi che permettono anche di salvare il gioco. Come se non bastasse, il gioco ha una modalità multiplayer abbastanza divertente in cui insieme ad altri tre Riders possiamo effettuare raid in modo più efficiente e veloce, il che risolve i problemi con la CPU che esistono quando si gioca da soli.

Nella sezione visiva, se c’è qualcosa che mi ha interessato, è stato lo stile artistico simile a quello degli anime che il gioco mostra. La conversione su PlayStation 4 è impeccabile sia in termini di prestazioni che di grafica, anche se mancano novità importanti. Alla fine abbiamo una versione che, nel bene e nel male, è praticamente identica a quella uscita due anni fa per Nintendo Switch e PC. In conclusione, Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin ha abbastanza della sua entità e qualità per non essere considerato un capitolo minore. È stato uno dei titoli più importanti del 2021 e quindi si apprezza il fatto che ora raggiunga più sistemi. Capcom ha fatto bene a diversificare con una delle sue saghe di punta, riuscendo a creare un titolo unico rivolto a tutti quei fan del franchise che desiderano un approccio diverso al mondo di Monster Hunter.

Related posts

No Rest for the Wicked – Anteprima

Luca Cuciniello || Ciccioboy

La nostra community si riunisce per celebrare tutto ciò che riguarda Dragon Age!

Luca Cuciniello || Ciccioboy

Ys VIII: Lacrimosa of DANA è disponibile ora per PS5!

Luca Cuciniello || Ciccioboy