Image default
PCRecensioni

Keep Talking and Nobody Explodes – Recensione

I film d’azione ci hanno abituato a un finale diverso, con l’eroe che trionfa sempre, fermando la bomba a pochi secondi dallo scoppio fatale. Ma anche l’infallibile eroe ha bisogno di un aiuto ogni tanto, magari dal suo amico artificiere che si trova all’altro capo del telefono. Una scena già vista al cinema, ma raramente sugli schermi di un PC.

Gli Steel Crate Games hanno deciso di colmare tale lacuna creando Keep Talking and Nobody Explodes, un gioco multiplayer asimmetrico nel quale un giocatore (il “braccio”) ha il compito di armeggiare con una bomba (sempre diversa di partita in partita), mentre l’altro (la “mente”) deve aiutarlo fornendogli le istruzioni contenute nelle 24 pagine del manuale fornito dagli sviluppatori. Semplice? No, perché solo il primo giocatore può vedere l’ordigno sul monitor; il secondo deve dare indicazioni basandosi esclusivamente sulle descrizioni date dal compagno.
Si tratta di un vero e proprio test delle capacità di comunicazione tra due soggetti posti in situazioni differenti. Solo un perfetto lavoro di squadra consentirà di superare indenni il pericolo.

images.akamai.steamusercontent.com.jpe5454

Parlare di Keep Talking and Nobody Explodes come di un videogioco sarebbe quanto meno improprio. Questo è un boardgame a tutti gli effetti, che abbraccia quell’idea antica di multiplayer che vede due o più persone sedute allo stesso tavolo. Il pc (windows) è ridotto al ruolo di semplice supporto invece di essere l’ambiente in cui tutto ha luogo.
Il gioco vero sta fuori dallo schermo, nell’interazione tra braccio e mente e nelle assurde e frenetiche situazioni che si vanno a creare nel proprio gruppo di amici.

 

images.akamai.steamusercontent.com.jpe6565

COMMENTO PERSONALE

Keep Talking and Nobody Explodes bada al sodo e non prevede troppi sforzi.
Grafica gradevole ma essenziale e nessuna modalità storia degna di tale nome. I giocatori possono seguire i livelli nell’ordine stabilito dai programmatori (che introducono in maniera graduale elementi di difficoltà crescente) oppure creare una partita ad hoc (Free play).

Pur candidandosi a essere il party game perfetto per serate in stile nerd, la creatura di Steel Crate rischia di incorrere in un prematuro calo di brillantezza. Alcuni moduli sono facili da padroneggiare e diventano una semplice formalità quando il giocatore diventa un po’ più esperto.
Le prime partite sono sicuramente quelle più spassose, ma tale limite intrinseco potrebbe essere almeno in parte superato grazie a espansioni e mod che sicuramente arriveranno e che il gioco, per sua natura, sembra fatto apposta per ricevere.

 

PRO

  • Ottimo coop game;
  • Supporta nativamente anche i visori per la realtà virtuale.

X CONTRO

  • Avete presente quel momento in cui il vostro migliore amico gioca la carta +4 a Uno? Ecco, le vostre amicizie finiranno proprio per questo!

Consigliato | Non consigliato

Related posts

Crusader Kings III – Recensione

Luca Cuciniello || Ciccioboy

Prey La colonna Sonora originale è ora disponile

The Elder Scrolls V: Skyrim – Anniversary Edition – Recensione

Luca Cuciniello || Ciccioboy