Image default
MicrosoftNotiziePCPiattaformeRecensioniSony

The Outlast Trials – Recensione

Non mentiremo: quando è uscito l’originale Outlast ci ha spaventato a morte. Entrando nel suo mondo oscuro, non sapevamo cosa aspettarci e gli orrori che ne sono seguiti hanno lasciato un segno indelebile. Ci è piaciuto molto anche il più ambizioso Outlast 2. Anche lo sviluppatore Red Barrels è stato ambizioso con il suo terzo gioco ambientato nell’universo di Outlast, realizzando un capitolo fatto per essere apprezzato con gli altri.

Il titolo

The Outlast Trials, quindi, è un gioco horror multiplayer. Ma non è uno di quei tipi asimmetrici che sono attualmente di gran moda. Invece, è tutta una questione di cooperativa; fino a quattro giocatori che combattono per sopravvivere attraverso una serie di ardue prove create dalla nefasta Murkoff Corporation. Potrebbe essere una delusione per coloro che non vedevano l’ora di un altro capitolo della serie per giocatore singolo incentrato sulla storia, ma The Outlast Trials può essere giocato almeno da soli. Se sei alla ricerca di spaventi, forse è anche il modo migliore per farlo.

Da un centro di trattamento che funge da hub, sei libero di affrontare una qualsiasi delle cinque prove di The Outlasts Trials come meglio credi. Ognuno di loro ti trova a viaggiare in una parte a tema della struttura tramite tubi e, una volta lì, ti viene data una serie di obiettivi da completare. Potresti dover rovistare tra i cadaveri sparsi qua e là alla ricerca di chiavi, ad esempio, o far funzionare un generatore trasportando carburante e poi armeggiando con esso. Ci sono anche alcuni atti davvero macabri da compiere, come segare un corpo in due con i tuoi compagni di squadra. Figo.

Per arricchire il pacchetto, ci sono anche un paio di sfide MK da completare in ciascuna di queste aree, che si svolgono più o meno come le prove standard, ma un po’ più brevi. Completa un numero sufficiente di prove e sfide MK e sbloccherai varianti sempre più difficili per mettere alla prova le tue abilità. Ci sono anche prove settimanali da provare, che introducono vari mutageni come schegge di vetro a terra che non solo fanno rumore quando vengono calpestati, ma causano anche danni a te.

Gameplay ed altro

Le Prove di Outlast hanno sicuramente una discreta quantità di contenuti, quindi, e per l’impegno con esso si viene ricompensati con crediti e buoni. Il primo può essere utilizzato per decorare la tua stanza nell’hub del centro di trattamento per renderla tua. Quest’ultimo, d’altra parte, può essere utilizzato per acquistare un’ampia varietà di aggiornamenti permanenti e altro ancora. Inutile dire che dedica abbastanza tempo a The Outlast Trials e, anche se avrai ancora paura degli orrendi mali che incontrerai durante il gioco, sarai in una posizione molto migliore per affrontarli.

Va detto, però, che la ripetizione si instaura piuttosto rapidamente. Ti ritroverai ad affrontare gli stessi avversari ancora e ancora, e anche se c’è una certa varietà ambientale, ciò che fai in essi rimane lo stesso: sgattaiolare in giro e cercare oggetti utili mentre cerchi di completare gli obiettivi, e correre e nasconderti per sfuggire agli inseguitori, se necessario. Essere in grado di giocare insieme ad amici e sconosciuti aggiunge un tocco nuovo e divertente, ma sminuisce anche un po’ l’orrore.

Come accennato in precedenza, giocare da soli è un’opzione e rende il completamento delle prove e delle sfide MK non solo più atmosferico ma anche più arduo. A volte, giocando con una squadra completa di quattro persone, puoi ritrovarti con altri membri della tua squadra a completare con successo gli obiettivi senza di te. Quando sei da solo, il successo dipende esclusivamente da te e solo da te. La mancanza di una storia in cui essere veramente coinvolti, tuttavia, potrebbe ostacolare la tua voglia di giocare.

Related posts

Anyone, Anywhere: Ecco le prime novità di NBA 2K22

Luca Cuciniello || Ciccioboy

THE KING OF FIGHTERS XV ORA DISPONIBILE

Luca Cuciniello || Ciccioboy

Crazy Machines 3: il nuovo aggiornamento introduce i mini-giochi interattivi