Image default
MicrosoftNotiziePCPiattaformeSony

Un viaggio infernale: la strada per Diablo IV

L’iconica serie videoludica di Diablo® sta per fare il suo atteso ritorno con Diablo® IV. Mentre contiamo con impazienza i giorni che ci separano dal 6 giugno 2023, quando il capolavoro infernale arriverà ufficialmente, è giunto il momento di approfondire i motivi che hanno portato alla sua creazione.

La storia

In Diablo® IV, la storia e la narrazione continuano dagli eventi di Diablo® III, basandosi sulla sua conclusione. Il finale del terzo capitolo ha lasciato aperti due scenari di trama principali, cruciali per il proseguimento della storia. In primo luogo, il destino dei Primi Maligni, i potenti esseri demoniaci, doveva essere affrontato dopo gli eventi di Diablo® III. In secondo luogo, la storia si concentrava sul giovane e promettente Lorath l’Horadrim, un personaggio chiave introdotto nel gioco precedente. Inoltre, l’umanità ha sofferto molto a causa delle azioni dei Reapers e della continua minaccia demoniaca.

L’impatto dei Primi Maligni sul mondo e le conseguenze che ne derivano hanno avuto un ruolo significativo nel plasmare l’atmosfera e l’ambientazione di Diablo® IV. Lo stato di Sanctuarium e gli aspetti dell’open world sono stati influenzati dalla presenza di queste potenti entità. Il mondo è diventato un luogo cupo e pericoloso, con innumerevoli siti religiosi distrutti e l’umanità che lotta per ricostruire e sopravvivere in mezzo al caos. Nonostante la situazione sia complessivamente tetra, sono emerse piccole sacche di speranza e resilienza, che rappresentano fari di luce e normalità in mezzo all’oscurità.

La timeline

Diablo® IV si svolge circa 50 anni dopo gli eventi di Diablo® III: Reaper of Souls, consentendo di esplorare l’evoluzione negli anni del giovane Lorath l’Horadrim. Questo personaggio, un rappresentante chiave dell’ordine Horadrim, incarna la conoscenza proibita dell’universo di Diablo®. La storia approfondisce le sue esperienze, i suoi pensieri e le sue motivazioni, offrendo una visione della sua crescita e delle sfide che deve affrontare.

Il ritorno dei Primi Maligni era una questione di “quando” e “come” piuttosto che di “se”. La loro presenza e influenza erano elementi vitali per mantenere l’essenza della serie di Diablo®. Senza i Prime Evil non ci sarebbe stato l’universo di Diablo®. Pertanto, il team di sviluppo si è concentrato sull’esplorazione delle implicazioni e delle conseguenze del ritorno dei Primi Maligni, piuttosto che sulla loro semplice esistenza.

Sviluppare Diablo® IV sulla base del finale di Diablo® III è stato un processo complesso. Si trattava di conciliare le diverse direzioni prese dai giochi precedenti e di determinare come andare avanti. La decisione creativa è stata quella di tornare all’oscurità e all’atmosfera che ricordano Diablo® I e II, incorporando al contempo gli aspetti migliori di Diablo® III. L’obiettivo era quello di trovare un equilibrio che catturasse l’essenza dei giochi precedenti. Le scene iniziali del gioco, in particolare il prologo, miravano a stabilire il tono, la violenza e il livello di epicità desiderati per Diablo® IV.

I personaggi

Lilith, un personaggio centrale di Diablo® IV, in quanto figlia dell’Odio, porta una prospettiva intrigante alla storia. La ribellione di Lilith contro l’ordine prestabilito delle cose e la sua incrollabile visione del futuro la rendono un personaggio affascinante da esplorare. Il suo design riflette la sua duplice natura, incarnando sia la malvagità che la lungimiranza.

La decisione di includere, oltre a Lilith, anche personaggi dei giochi precedenti è stata dettata dal desiderio di entrare in contatto con i giocatori vecchi e nuovi. Questi personaggi sono stati ampiamente riprogettati per adattarsi all’evoluzione della narrazione e del mondo di Diablo® IV. La loro inclusione aggiunge profondità e familiarità, consentendo al contempo nuove trame e lo sviluppo dei personaggi.

Sanctuarium, l’ambientazione principale della serie, svolge un ruolo fondamentale in Diablo® IV. L’obiettivo era quello di creare un mondo che risultasse familiare ai giocatori, presentando allo stesso tempo nuovi luoghi e spiegando i cambiamenti avvenuti nell’arco di 50 anni.

La creazione dei PNG in Diablo® IV ha richiesto un’attenta considerazione delle loro motivazioni, dei loro problemi e dei loro dubbi. Questi fattori dovevano essere in linea con i temi principali del gioco e contribuire alla tensione drammatica delle rispettive scene. Il design di ogni personaggio ha svolto un ruolo cruciale nel trasmettere efficacemente questi aspetti. L’obiettivo era creare interazioni dinamiche e avvincenti che coinvolgessero i giocatori e rendessero la storia più drammatica e accattivante.

La narrazione

La campagna di Diablo® IV contiene diversi elementi allettanti. L’impostazione introduce immediatamente il ritorno di personaggi chiave e solleva domande sulle loro motivazioni e sui loro conflitti. L’idea centrale di Diablo®, l’eterno conflitto tra luce e oscurità, rimane un tema centrale. Quando i giocatori affrontano questo conflitto come personaggi umani si trovano di fronte alla sfida di trovare la propria strada, nell’imminente scontro tra potenti forze. L’inclusione di personaggi come Lorath l’Horadrim e delle loro motivazioni aggiunge profondità alla storia e offre ai giocatori una prospettiva unica. La direzione narrativa e l’arco della campagna sono stati determinati attraverso un’attenta considerazione della storia generale e dei personaggi coinvolti. Il team si è impegnato in un processo di brainstorming collaborativo, combinando idee creative e rispettando al contempo i principi consolidati e la tradizione della serie Diablo®. Le lezioni apprese dai giochi precedenti hanno influenzato lo sviluppo di Diablo® IV, assicurando che gli elementi fondamentali della serie venissero mantenuti e introducendo al contempo contenuti nuovi e coinvolgenti.

In sintesi, Diablo® IV continua la storia di Diablo® III, affrontando le conseguenze delle azioni dei Primi Maligni ed esplorando il mondo in evoluzione di Sanctuarium. Lo sviluppo del gioco ha richiesto un delicato equilibrio tra il ritorno alle radici oscure e atmosferiche della serie e l’incorporazione di elementi di successo di Diablo® III. L’aggiunta di nuovi personaggi, come Lilith, insieme a personaggi di ritorno ridisegnati, arricchisce la narrazione e offre ai giocatori vecchi e nuovi un’esperienza avvincente. Gli elementi di attrazione della campagna risiedono nell’ambientazione immediata, nell’eterno conflitto tra luce e oscurità e nelle sfide affrontate dai personaggi umani che si trovano in mezzo a queste forze potenti. Il processo di sviluppo si è basato su un lavoro di squadra collaborativo, sulla progettazione accurata dei personaggi e sul mantenimento dei temi e dei principi fondamentali dell’universo di Diablo®.

Related posts

NIS America annuncia quattro nuovi giochi al NGPX!

Luca Cuciniello || Ciccioboy

INFINITY STRASH: DRAGON QUEST THE ADVENTURE OF DAI ARRIVA OGGI

Luca Cuciniello || Ciccioboy

Scopri il nuovissimo caso di omicidio della regina del giallo con Agatha Christie – Hercule Poirot: i primi casi, ora disponibile su PC e console!

Luca Cuciniello || Ciccioboy